Blog

IPC Italia: Indice di Percezione della Corruzione

Pubblicato il

Italia al 52esimo posto nella classifica, stilata da Transparency International e riguardante 180 Paesi, nell’indice di percezione della corruzione 2020: il nostro Paese, dunque, pur mantenendo il punteggio (53) attribuitogli nell’edizione 2019, perde una posizione in graduatoria. L’indice di percezione della corruzione 2020, sottolinea Transparency, segna un “rallentamento del trend positivo” che aveva visto l’Italia guadagnare 11 punti dal 2012 al 2019, pur confermandosi al 20esimo posto tra i 27 Paesi membri dell’Unione Europea.
Danimarca e Nuova Zelanda continuano ad attestarsi tra i Paesi più virtuosi, con un punteggio di 88.
In fondo alla classifica, Siria, Somalia e Sud Sudan, con un punteggio, rispettivamente, di 14, 12 e 12. Con l’edizione 2020, Transparency International ha stilato una classifica di 180 Paesi e territori
sulla scorta del livello di corruzione percepita nel settore pubblico: la valutazione è fatta sulla base di 13 strumenti di analisi e di sondaggi a esperti provenienti dal mondo del business e il punteggio finale è determinato in base ad una scala da 0 (alto livello di corruzione percepita) a 100 (basso livello di corruzione percepita).

“Le sfide poste dall’emergenza Covid-19 possono mettere a rischio gli importanti risultati conseguiti se si dovesse abbassare l’attenzione verso il fenomeno e non venissero previsti e attuati i giusti presidi di trasparenza e anticorruzione, in particolare per quanto riguarda la gestione dei
fondi stanziati dall’Europa per la ripresa economica”, fa notare inoltre Transparency International Italia. “Negli ultimi anni – ricorda Transparency – l’Italia ha compiuto significativi progressi nella lotta alla corruzione: ha introdotto il diritto generalizzato di accesso agli atti rendendo più trasparente la Pubblica amministrazione ai cittadini, ha approvato una disciplina a tutela dei whistleblower, ha reso più trasparenti i finanziamenti alla politica e, con la legge anticorruzione del 2019, ha inasprito le pene previste per taluni reati”.

Resquon, società indipendente di Business Intelligence, specializzata
nella due diligence reputazionale di persone e aziende, tramite l’interrogazione, raccolta e validazione di fonti di pubblico dominio, come definito dalla metodologia OSINT – Open Source Intelligence.
I nostri report comprendono dati provenienti dai Registri Pubblici Ufficiali, da Fonti Aperte e Database internazionali, garantendo un quadro completo del target e del suo contesto, per essere strumento utile e strategico da utilizzate ogni qualvolta è necessario scegliere e valutare una propria controparte.