Recovery Fund, l’Open Source Intelligence per vigilare sui fondi in arrivo

Pubblicato il Pubblicato in OSINT - Resquon in blog

Si sta già registrando a livello europeo un “incremento delle infiltrazioni nell’economia” da parte delle organizzazioni criminali e per questo è fondamentale che i paesi Ue comprendano che le mafie hanno puntato i fondi stanziati per superare la crisi prodotta dal Covid 19.

È l’allarme che arriva dal direttore esecutivo di Europol Catherine De Bolle a Roma per l’incontro tra i capi delle polizie europee per fare il punto sulle minacce criminali collegate alla pandemia.“

L’incremento delle infiltrazioni – ha aggiunto De Bolle – è il motivo per il quale Europol ha chiesto di monitorare con attenzione i finanziamenti” connessi al Recovery Fund poiché i “fondi costituiti dagli Stati membri sono già presi di mira dalle organizzazioni criminali e prevediamo lo saranno ancora di più”. “

direttore esecutivo di Europol Catherine De Bolle 

I prodotti altamente richiesti – come disinfettanti, mascherine, termometri, ventilatori meccanici e fantomatiche cure per il coronavirus – continuano a essere oggetto di truffe di vasta portata anche online. Un modus operandi più sofisticato vede i criminali sequestrare l’identità di imprese e offrire alle vittime la vendita di prodotti legati alla pandemia, per poi sparire nel nulla.

Ci sono state autorità sanitarie di stati membri e aziende private tra le vittime”, ha aggiunto l’esperta investigatrice belga.

Sul tema è intervenuto anche il vicecapo della Polizia e direttore della Criminalpol Vittorio Rizzi, rilevando come il rischio che corrono i Paesi europei è di scoprire “troppo tardi” le infiltrazioni, quando “il danno all’economia reale diventa irreparabile”. Per quanto riguarda l’Italia, ha precisato Rizzi, al momento “riscontri concreti sotto il profilo processuale” di infiltrazioni “non ce ne sono”.

“Se le infiltrazioni ci sono state ancora non ne abbiamo piena consapevolezza ma pensare che ci siano Paesi e sistemi economici immuni dal rischio infiltrazioni sarebbe un errore gravissimo, una grave miopia – ha messo in guardia Rizzi – così come nessun paese è stato immune dal Covid-19, nessuno lo sarà dalle organizzazioni criminali, già da molti anni inserire nel tessuto europeo e mondiale”.

La “pervasività” del virus è infatti la stessa delle mafie e nessuno “può sottovalutare l’enorme disponibilità delle organizzazioni mafiose” perché “in tempi di recessione economica occorre liquidità, chi ha denaro disponibile conquista il mercato”.