Blog

Business Intelligence: cos’è e come aiuta le imprese

Ogni giorno le aziende si trovano ad aver a che fare con una mole immane di dati. Riuscire a raccoglierli, analizzarli e renderli utilizzabili per ottimizzare o snellire le operazioni aziendali diventa fondamentale. La Business Intelligence è assai importante per un’azienda, perché è un processo tecnologico che combina analisi dei dati, strumenti di business, infrastrutture e best practice in grado di aiutarla a prendere le giuste decisioni a partire dai dati.

Cos’è la Business Intelligence (BI)

La Business Intelligence (BI) combina business analytics, data mining, visualizzazione dei dati, strumenti e infrastrutture per i dati, nonché buone pratiche per permettere alle imprese di prendere più decisioni basate sui dati. Da diversi anni ormai, la “nuova era” della Business Intelligence, oltre a prevedere i più tradizionali strumenti, integra anche business intelligence self-service, predictive analytics e machine learning.

Perché la Business Intelligence è importante

La Business Intelligence può supportare notevolmente i processi aziendali.
Essa aiuta le aziende a monitorare le tendenze, ad adattarsi a condizioni di mercato variabili e a migliorare il processo decisionale a tutti i livelli dell’organizzazione.
Il miglioramento della pianificazione e dell’analisi può essere usato per rafforzare i processi, focalizzare le operazioni aziendali e usare i dati per guidare il processo decisionale.
Dati più accurati significano decisioni più efficaci. L’accuratezza perfeziona anche la fiducia nelle previsioni aziendali. Quando si sa che si può fare affidamento sui propri dati, si possono fare ipotesi più accurate sul futuro del proprio business. Sono tutti effetti positivi a cascata.

Se volessimo tradurre sinteticamente l’importanza della BI potremmo enunciare i benefici che si possono ottenere grazie ad essa, come: decisioni tempestive, vantaggio sui competitor, maggiori ricavi e opportunità, elevato ritorno degli investimenti, minori costi e rischi.

Relativamente agli strumenti di Business Intelligence, i vantaggi che essi forniscono spaziano dalla possibilità di contare su una reportistica rapida e accurata alle preziose intuizioni di business ottenibili. A questo proposito le imprese possono misurare la produttività dei dipendenti, le entrate, il successo generale e le prestazioni specifiche dei reparti. Si possono scoprire i punti di forza e di debolezza poiché gli strumenti di BI aiutano le organizzazioni a capire cosa sta funzionando e cosa no.

Identificare le tendenze del mercato, contare su una maggiore efficienza operativa, prendere decisioni più efficaci e accurate, sono vantaggi sostanziali che la BI offre grazie alla tecnologia (strumenti di business intelligence e data science, business intelligence self-service, predictive analytics, machine learning).
Tutto questo si traduce anche in un aumento delle entrate, obiettivo fondante di qualsiasi azienda. I dati dagli strumenti di BI possono aiutare le aziende a comprendere determinate dinamiche, potendo anche mettere a fuoco i punti deboli del processo di vendita, per esempio. Sapendo ascoltare e osservare meglio, si riescono a ottenere risultati ottimali – e, conseguentemente, maggiori ricavi.
Infine, gli strumenti di Business Intelligence possono analizzare le inefficienze e aiutare a espandere i margini.

Fonte;
https://universeit.blog/